Confronto tra fagi e antibiotici

Introduzione

Questa pagina intende descrivere le differenze fondamentali tra fagi e antibiotici: i loro vantaggi e svantaggi, differenze nell'applicazione, effetti collaterali, ecc., citando alcune fonti chiave. L'intenzione non è di opporre i fagi agli antibiotici, ma di comprendere che:
- I batteriofagi e gli antibiotici possono essere complementari.
- Nei casi in cui gli antibiotici hanno raggiunto un vicolo cieco terapeutico, la terapia con fagi dovrebbe essere considerata come una soluzione. - In molti casi, la terapia con fagi può essere utilizzata come alternativa agli antibiotici senza effetti collaterali.
- Potrebbe essere vantaggioso utilizzare batteriofagi e antibiotici contemporaneamente, rendendo più difficile per i batteri sviluppare resistenza contro due attacchi differenti.
- I fagi, con la loro capacità di penetrare i biofilm, possono anche aiutare gli antibiotici a riacquistare la loro efficacia.

Confronto delle Metodologie Terapeutiche tra Batteriofagi e Antibiotici

BATTERIOFAGI:
I fagi si moltiplicano e replicano quando entrano in contatto con i batteri. Devono essere a contatto con il focolaio infettivo per agire.
Per ogni batterio esiste almeno un fago, sebbene alcuni fagi potrebbero non essere in grado di "trattare" le infezioni, specialmente per i batteri intracellulari. Pertanto, è necessario identificare i batteri, cercare il fago più efficace (test di suscettibilità al fago) e avere accesso al sito infetto. Di conseguenza, è necessario un tempo di analisi prima di somministrare il trattamento al paziente. Questa metodologia terapeutica, necessaria per ottenere buoni risultati, richiede più tempo e sforzo rispetto agli antibiotici. Questo è probabilmente un fattore contribuente all'uso diffuso degli antibiotici, che sono molto più facili da somministrare. Si prega di fare riferimento alla pagina "Trattamento con fagoterapia" per informazioni dettagliate sul processo specifico di tale trattamento (da non confrontare con i trattamenti antibiotici chimici).

ANTIBIOTICI:
Gli antibiotici colpiscono un ampio o specifico spettro di batteri. Il trattamento può essere somministrato quasi immediatamente al paziente, con tutti i pazienti che ricevono lo stesso trattamento per un dato tipo di infezione.

Effetti collaterali dei fagi e degli antibiotici

BATTERIOFAGI:
Possono verificarsi effetti collaterali molto rari, brevi e fugaci, come febbre per un'ora o due (come con gli antibiotici) e lievi mal di testa, a causa della lisi batterica.

Un effetto collaterale molto positivo dei fagi è la loro capacità di rafforzare il sistema immunitario. Quindi, quando i fagi non riescono più a trovare batteri da infettare, si eliminano attraverso vie naturali. Si dovrebbe notare che durante le inalazioni, può verificarsi disagio. Infatti, quando la lisi batterica è troppo significativa, causa il rilascio di molti detriti batterici. Ciò si traduce in sintomi di bronchite senza essere bronchite. Questo sintomo dura tra qualche ora e uno o due giorni. Ecco perché si raccomanda di praticare le inalazioni di batteriofagi sotto supervisione medica.

ANTIBIOTICI
Gli effetti collaterali degli antibiotici sono numerosi e ben noti. A causa della distruzione non mirata di troppi tipi di batteri, specialmente nell'intestino, e a seconda dei tipi di antibiotici, possono apparire i seguenti effetti collaterali: disturbi digestivi, gonfiore, nausea, diarrea, problemi neurologici, problemi ai tendini, problemi cardiaci, reazioni allergiche, infezioni da lievito orale o vaginale, sordità e altro.

Resistenza batterica ai fagi e agli antibiotici

BATTERIOFAGI: È vero che i batteri possono diventare resistenti ai fagi. Tuttavia, non ci troviamo mai in un vicolo cieco terapeutico totale con la terapia fagica. Infatti, c'è sempre la possibilità di "lavorare" un fago su un dato batterio per aumentarne la virulenza. Inoltre, i medici osservano spesso che quando un batterio muta per diventare resistente a un fago, diventa suscettibile agli antibiotici di nuovo. Inoltre, è un processo naturale; se i batteri cercano di resistere ai fagi, i fagi a loro volta cercano di aumentare la loro virulenza contro i batteri. Questo processo esiste da miliardi di anni (dall'arrivo dei batteri e dei fagi sulla Terra). Questo spiega perché non ci sono batteri resistenti a più fagi e rappresenta un equilibrio naturale che è benefico per l'ecosistema del pianeta. Va notato che, sebbene non tutti siano stati trovati, si stima che ci sia almeno un fago per batterio, ma piuttosto una media di 10 a 100 fagi diversi per un dato batterio (Fonte: US National Library of Medicine). Infine, l'uso di "cocktail" di fagi (5 a 7 fagi diversi per fiala) da parte dei medici georgiani serve a prevenire la mutazione del batterio contro un singolo fago, ma invece lo costringe a difendersi contro più fagi. Così, la sua mutazione per diventare resistente diventa molto più complessa e quindi difficile da realizzare.

ANTIBIOTICIANTIBIOTICI L'uso intensivo di antibiotici ha portato alla "selezione" di batteri che non sono stati in grado di distruggere: i cosiddetti batteri multiresistenti. Infatti, solo questi rimangono, indenni dall'effetto degli antibiotici e possono proliferare. Una volta che un batterio resistente agli antibiotici ha infettato un paziente, si trovano in un "vicolo cieco terapeutico" poiché non ci sono trattamenti noti rimasti per trattarli. La resistenza agli antibiotici è un problema di salute globale. Le proiezioni stimano fino a 10 milioni di morti all'anno in tutto il mondo entro il 2050 a causa di batteri multiresistenti (fonte: Institut Pasteur) perché stiamo esaurendo gli antibiotici efficaci (fonte OMS: Il mondo sta esaurendo gli antibiotici).

Targetizzare batteri

BATTERIOFAGI:
Fagi
I fagi si moltiplicano riproducendosi quando entrano in contatto con i batteri. Pertanto, devono essere a contatto con il sito infettivo per agire.
Quando i fagi non trovano più batteri da infettare, si eliminano attraverso vie naturali

ANTIBIOTICI
Gli antibiotici, nella migliore delle ipotesi, colpiscono una famiglia di batteri, ma mai solo il batterio patogeno. Di conseguenza, distruggono alla cieca batteri non patogeni che possono essere benefici per i nostri sistemi digestivo e immunitario (flora intestinale).

Produzione e Qualità

Definizione di un farmaco (fonte: Cambridge Dictionary): "Un medicinale, o un insieme di medicinali o farmaci, utilizzati per migliorare una determinata condizione o malattia."

Definizione americana: "Qualsiasi sostanza usata per trattare una malattia o una condizione, specialmente un farmaco."
Definizione delle Buone Pratiche di Fabbricazione secondo l'OMS: Uno degli elementi dell'assicurazione di qualità, che garantisce che i prodotti siano prodotti e controllati in modo coerente per soddisfare gli standard di qualità appropriati per il loro uso previsto e come richiesto dall'autorizzazione di marketing.

BATTERIOFAGI:
Il sistema delle Buone Pratiche di Fabbricazione (GMP) non è adatto per i batteriofagi. Pertanto, è impossibile produrre fagi secondo le GMP. I fagi non sono composti da molecole chimicamente prodotte con la stessa "ricetta" in una fabbrica, ma sono organismi viventi (considerati vivi da alcuni). Tali standard di produzione non sono applicabili a loro e ad oggi non esistono. Questo è un argomento contro la loro autorizzazione.

Lo standard attuale per gli stabilimenti farmaceutici in Georgia è lo standard nazionale georgiano. Il laboratorio Eliava Bio Preparation è completamente conforme a questo standard. Lo standard nazionale georgiano è una normativa di produzione rigorosa e di alta qualità che garantisce la conformità degli stabilimenti produttivi con gli standard dichiarati. La Georgia è in fase di validazione per diventare membro del PIC/S, che è la "Convenzione di Ispezione Farmaceutica e lo Schema di Cooperazione per l'Ispezione Farmaceutica". Tutta l'Europa, il Nord America, il Commonwealth e alcuni altri ne fanno parte.

I prodotti a base di batteriofagi prodotti da Eliava BioPreparations sono prodotti farmaceutici registrati in Georgia. Il processo di produzione e il controllo qualità sono effettuati in piena conformità con gli standard nazionali per la produzione farmaceutica dal "Ministero del Lavoro, della Salute e degli Affari Sociali della Georgia". Il controllo qualità di ogni lotto prodotto viene condotto in un laboratorio interno di controllo qualità così come in un laboratorio terzo indipendente per testare la qualità dei prodotti farmaceutici.

Il controllo di sterilità di tutti i prodotti a base di fagi da parte di Eliava BioPreparations viene effettuato in totale conformità con la sterilità (2.6.1) e le linee guida per il test di sterilità (5.9.1) secondo la Farmacopea Europea. È anche in conformità con le linee guida per i test di sterilità (3.2) della Farmacopea Internazionale dell'OMS.

ANTIBIOTICI:
La produzione di antibiotici è conforme a tutti gli standard per la commercializzazione dei medicinali (Buone Pratiche di Fabbricazione, Autorizzazione all'Immissione in Commercio, ecc.).

COVID-19: Utilità dei fagi e degli antibiotici

BATTERIOFAGI:
I fagi possono ridurre il rischio di morte da COVID-19. Infatti, i fagi possono anche indurre immunità antivirale contribuendo a mantenere una risposta immunitaria equilibrata. Inoltre, inibendo l'attivazione di NF-κB e la produzione di ROS, i fagi possono regolare al ribasso le reazioni infiammatorie eccessive rilevanti per la patologia e la progressione clinica del COVID-19 (Fonte:: [insert source]). I fagi nella lotta contro il COVID-19)

ANTIBIOTICI
La terapia antibiotica non sembra offrire benefici significativi nel trattamento del COVID-19 (Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7442045/ Anche se sono stati condotti studi sull'uso di azitromicina in combinazione con idrossiclorochina, i loro risultati non sembrano conclusivi quando utilizzati singolarmente (Fonte: Società Francese di Farmacologia e Terapeutica: fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7441988/ )